fbpx

Il mondo del design appare immenso qui: benvenuti al Salone del Mobile.Milano

Scritto il Aprile 18, 2018 da
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su whatsapp

Dopo il suggestivo e fantastico giro di ieri nel “Living Nature. La natura dell’abitare”, in piazza del Duomo davanti al Palazzo Reale, oggi siamo in Fiera Milano a Rho. Siamo più carichi e più determinati, questa volta oltre alla nostra solita moleskine personalizzata, la macchina fotografica tra le mani e il badge al collo, c’è anche il mac già pronto per rendervi partecipi in diretta di tutto quello che c’è di interessante. E non sarà facile, sarà una vera sfida.

E’ difficile GUIDArvi in questa grande manifestazione, perché c’è troppo di bello da raccontare per i nostri occhi. Subito ci prestiamo a consultare la nuova APP che I Saloni hanno messo a disposizione. L’abbiamo scaricata qualche giorno fa per curiosare. Anche qui ci lasciamo aiutare dall’innovazione digitale, ma per i nostalgici della carta c’è sempre il solito catalogo da visionare gentilmente fornito da un addetto de I Saloni.

Vi ricordiamo che ci sono cinque manifestazioni che si svolgono in contemporanea da martedi 17 a domenica 22 Aprile con apertura agli operatori del settore tutti i giorni dalle 9:30 alle 18:30 mentre nelle giornate di sabato e domenica l’apertura è estesa anche al pubblico.

Le manifestazioni sono:

– Salone Internazionale del Mobile e Salone Internazionale del Complemento d’Arredo

– EuroCucina

– FTK (Technology For the Kitchen)

– Salone Internazionale del Bagno

– SaloneSatellite

Inutile dirvi che ci stiamo dislocando dovunque perché vogliamo offrire una panoramica completa a chi vorrà venire in questo weekend o per chi ci segue e non potrà esserci fisicamente. Vogliamo immaginare che ci sia ancora gente che ama l’interior design e l’arredamento, senza cedere alle solite insegne low cost e senza il compensato rivestito come anta. Sinceramente prendiamo spunto da Claudio Luti, Presidente del Salone del Mobile, il quale ribadisce che questa manifestazione mozzafiato è “un’esperienza globale e un’emozione che richiama aziende, creativi, comunicatori e professionisti da ogni parte del mondo. Proprio per questa forza attrattiva, il Salone del Mobile è una grande risorsa per il Sistema Italia, concentrando in un unico momento e in un unico luogo l’eccellenza innovativa di pensiero e di prodotto.” Insomma, detto in parole povere, qui si fa l’innovazione e la storia dell’arredamento, grazie a sinergie ed incontri straordinari.

E’ proprio con questa energia e questa forza trainante che anche oggi siamo entrati a Fiera Milano a Rho. Come noi, tanta gente proveniente da tutto il mondo che, quasi a formare un serpente infinito all’ingresso, partecipa a questo evento unico, rendendo così la visita in un’esperienza da togliere il fiato. Molti di noi hanno partecipato alle edizioni precedenti ma, come ogni anno, c’è sempre qualcosa di nuovo da vedere e da trovare, rendendo tutto ciò emozionante e non scontato. Si respira vera aria di innovazione, voglia di progettare, mani che si stringono, contratti firmati, la giusta strada del business, dove si fa economia. Questa è l’Italia che ci piace

Abbiamo incominciato dal magnifico padiglione xLux dove tutto è possibile: un connubio perfetto tra extralusso e raffinatezza. Stand immensi dove tutto può essere vero tra specchi, oro e cristalli pregiati. Sogno per chi è lontano dal budget e un must per chi può concedersi al lusso.

Proseguiamo e continuiamo nella raffinatezza, questa volta entrando nel padiglione del “Classico”, dove si riprendono le stesse linee di una volta ma con lo sguardo rivolto al futuro. Grandi ambienti, alcuni in stile vintage, rivoluzionati dalla tecnologia e dalla ricercatezza dei materiali all’avanguardia. Tutto prende forma e diventa intramontabile.

Arriviamo, dunque, in una delle parti clou dell’evento: Salone Internazionale del Mobile e Salone Internazionale del Complemento d’Arredo. Collocato al centro delle Fiera di Milano quasi a simboleggiare il cuore dell’intera manifestazione.

Passare dai pezzi intramontabili dei designer d’eccellenza degli ultimi tempi e arrivare alla ricercatezza dei nuovi pezzi d’avanguardia dei nostri giorni. Ci rendiamo conto che quest’anno non c’è un unico stile distintivo di riferimento ma ognuno propone la propria linea progettuale.

Ogni brand, ogni designer, interpretano il proprio modo di concepire gli spazi e gli ambienti secondo criteri sì univoci, come il comfort e il relax, ma utilizzando stili e forme diversi, dove i colori prendono forma nei pieni e nei vuoti.

Inutile fare esempi rischiando di lasciare fuori nomi importanti, perché in questi grandi padiglioni ci sono innumerevoli espositori che continuano a fare la storia dell’interior design e marcano gli stili del futuro.

Ad ogni modo, avete la possibilità di osservare quello che ci ha colpito maggiormente attraverso i nostri scatti e i nostri video che potete trovare sui nostri profili social ed in fondo a questo articolo di #InFieraConNoi.

Dalle linee provocatorie della zona giorno si passa ad un concept più sereno ed armonioso dalle superfici perfettamente calibrate per i padiglioni EuroCucina 2018. Vediamo, ad esempio, cucine con microcosmi funzionali in cui lavorare, da un’idea di Giuseppe Bavuso la “Inside System” per Ernesto Meda oppure la “Logica Celata” di Gabriele Centazzo per ValcucineScavolini, invece, propone una completa organizzazione funzionale.

Ormai possiamo dire addio alla tradizionale suddivisione tra basi e pensili ritenuta inadatta ad esprimere i valori spaziali di scontati piani orizzontali in pietra, acciaio, corian o fenix e di grandi superfici verticali in tecnologici laminati, vetri colorati o preziose essenze lignee, un po’ come Veneta Cucine con il modello “Lounge”.

Non tutto quel che luccica è oro, purtroppo, e qualche nota dolente anche questa grande esposizione doveva pure averla. Tra cucine e tecnologia, stand e padiglioni, necessitiamo di caricare la nostra strumentazione e riordinare le idee ma non troviamo nessun posto adeguato per attaccare il pc o lo smartphone ad una presa. In pratica, se vogliamo metterci comodi e caricare la batteria della nostra strumentazione dovremmo ritornare indietro nell’area dedicata alla stampa o fare altre strade e perdere tempo utile per la manifestazione. Ne approfittiamo dunque per offrire un consiglio per il futuro ai “Saloni del Mobile” o, meglio, all’organizzazione fieristica di Federlegno Arredo Eventi S.p.A. : non vogliamo risultare troppo esigenti ma riteniamo necessario un dislocamento di aree relax, con un buon numero di colonnine per l’elettricità perché abbiamo notato che la nostra era l’esigenza di altre migliaia di addetti ai lavori. 

Noi continuiamo con il nostro tour: seguiteci anche domani per completare il nostro percorso con il “Salone Internazionale del bagno” e il “SaloneSatellite”. Nel frattempo vi diamo delle anticipazioni con i nostri scatti e i nostri video sui nostri profili social.

Sarete quindi pronti per il vostro #MilanoDesignWeek. Vi aspettiamo… curiosate con noi!

Articoli correlati
GuidaExpo è una iniziativa privata.
Se ti piace il nostro lavoro,
contribuisci con una donazione libera.